Articoli

SCONTRO TRA TITANI – 20 AGOSTO 2019

Capire come si evolverà il contesto mondiale – che si trova sull’orlo della decrescita – é davvero problematico. Per questa ragione é indispensabile mantenere un approccio decisamente prudente sull’azionario in attesa dei prossimi dati macro e degli interventi di banche centrali e governi, che saranno costretti ad intervenire per salvare il contesto da un possibile avvitamento.

LE PROMESSE DI DRAGHI & C. – 26 LUGLIO 2019

Nessuna variazione di rilievo rispetto al report di inizio Luglio. Approccio sempre prudente sull’azionario.

L’ECONOMIA DELLE BANCHE CENTRALI – 19 GIUGNO 2019

L’intervento massiccio prospettato ieri da Draghi & friends é arrivato non inaspettato in un contesto macroeconomico in deciso rallentamento. In sintesi: non vi sono alternative. Torniamo ad incrementare moderatamente l’esposizione raccomandando sempre un profilo prudente e di deciso controllo del rischio.

GLI EFFETTI DEI DAZI – 29 MAGGIO 2019

Un nuovo peggioramento dei dati macroeconomici suggerisce rinnovata prudenza nell’esposizione sull’azionario, che é meglio sia nulla o estremamente moderata. La guerra dei dazi continua a provocare danni all’economia e solo i prossimi dati ci diranno con più chiarezza verso dove é diretto il ciclo dell’economia mondiale.

SUL FILO DELLA STABILIZZAZIONE – 15 APRILE 2019

Il rialzo dei mercati continua e la nostra posizione sull’azionario continua ad essere rialzista. Manteniamo comunque un profilo di relativa “prudenza” visto che il contesto rimane ancora instabile e che l’Europa rimane l’anello debole di una catena il cui tasso di crescita economico complessivo é lontano rispetto a quello di parecchi mesi fa.

RIALZO TECNICO O FONDAMENTALE? – 21 MARZO 2019

Nonostante si siano aggiunti alcuni segnali macroeconomici ai preesistenti segnali tecnici, continuiamo a prediligere un approccio prudente in questa fase, pur avendo incrementato moderatamente l’esposizione.  Per un’ esposizione più convinta é indispensabile attendere altri segnali e gli eventi dietro l’angolo (Brexit, rapporti CINA/USA) per non farsi cogliere in contropiede.

RITORNA IL RISCHIO EURO? – 25 MAGGIO 2018

L’aumento generalizzato delle tensioni a livello mondiale – finanziarie in Italia, dove potrebbero diventare sistemiche,  geopolitiche altrove – ci porta a confermare e mantenere inalterato il nostro approccio prudente sulle Borse in questo periodo, senza peraltro annullare totalmente l’esposizione visto che sia l’economia mondiale che i trend dei mercati rimangono impostati positivamente. Continuiamo a monitorare pertanto la situazione da vicino in attesa che il contesto si definisca in maniera più chiara.

RALLENTAMENTO, NON RECESSIONE – 4 MAGGIO 2018

La crescita economica ha rallentato quasi ovunque, ma questo non significa che ci troviamo di fronte al rischio di una nuova recessione – e quindi di mercati nuovamente ribassisti. Rimaniamo ancora prudenti in questa fase, ma nel frattempo sono scattati i primi segnali tecnici molto importanti sul nostro listino, che, se confermati, cambierebbero in maniera drastica (in positivo) lo scenario tecnico di fondo con obiettivi tecnici posizionati ben più in alto rispetto ai livelli attuali.